'L'Estremo Oriente narrato da Ludovico Nocentini, diplomatico e orientalista' (The Far East narrated by Ludovico Nocentini, diplomat and orientalist).

Aglaia De Angeli

    Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

    Abstract

    Ludovico Nocentini (Firenze 1849 – Roma 1910), famoso orientalista e direttore dell’Istituto Orientale di Napoli, oltre a diplomatico, fu soprattutto un prolifico narratore dell’ “Estremo Oriente” a cavallo tra Ottocento e Novecento.Nocentini fu uno studioso dell’Asia orientale, come viene chiamata oggigiorno, in un particolare periodo della storia italiana, ossia nel momento in cui il Regno d’Italia si accingeva a conquistare il proprio fazzoletto di terre dando inizio al colonialismo italiano. Infatti, nel contesto asiatico l’Italia dopo essere stata respinta a Wei-hai-wei nel 1899 otteneva grazie al Protocollo dei Boxers nel 1902 la sua unica concessione in Cina, a Tianjin. L'esperienza di Nocentini è, comunque, singolare in quanto intrapprese la carriera diplomatica come interprete della Regia Legazione di Pechino e al Consolato di Shanghai alla fine del 1800, dopo aver ricevuto l'abilitazione all'insegnamento delle lingue orientali nel 1879. Per l'appunto, al suo ritorno in Italia venne chiamato come docente di cinese a Napoli e Roma, e concluse la carriera ancora in diplomazia come ambasciatore in Corea. Il presente intervento si propone quindi di approffondire la narrazione dell'Estremo Oriente di Nocentini, considerando entrambi i suoi ruoli di orientalista e diplomatico. Infatti ,egli fu testimone oculare dell'Estremo Oriente nella fase di apertura dopo secoli di voluto isolamento. Pertanto la sua stessa narrazione di quanto visto e vissuto è una preziosa testimonianza di una persona esperta della storia, delle civiltà e delle lingue. Per concludere, l'analisi si baserà sulle pubblicazioni di Nocentini apparse a cavallo tra Ottocento e Novecento, quali sintesi della visione dell'Estremo Oriente da parte di un profondo conoscitore.
    LanguageEnglish
    Title of host publicationOrientalismi Italiani
    Place of PublicationAlba
    Pages73-91
    Volume2
    Publication statusPublished - 2012

    Fingerprint

    East Asia
    China

    Keywords

    • Ludovico Nocentini
    • orientalism
    • Italian colonialism

    Cite this

    @inbook{2512271fdd0f4ce2b211bd5d71b2fa5a,
    title = "'L'Estremo Oriente narrato da Ludovico Nocentini, diplomatico e orientalista' (The Far East narrated by Ludovico Nocentini, diplomat and orientalist).",
    abstract = "Ludovico Nocentini (Firenze 1849 – Roma 1910), famoso orientalista e direttore dell’Istituto Orientale di Napoli, oltre a diplomatico, fu soprattutto un prolifico narratore dell’ “Estremo Oriente” a cavallo tra Ottocento e Novecento.Nocentini fu uno studioso dell’Asia orientale, come viene chiamata oggigiorno, in un particolare periodo della storia italiana, ossia nel momento in cui il Regno d’Italia si accingeva a conquistare il proprio fazzoletto di terre dando inizio al colonialismo italiano. Infatti, nel contesto asiatico l’Italia dopo essere stata respinta a Wei-hai-wei nel 1899 otteneva grazie al Protocollo dei Boxers nel 1902 la sua unica concessione in Cina, a Tianjin. L'esperienza di Nocentini {\`e}, comunque, singolare in quanto intrapprese la carriera diplomatica come interprete della Regia Legazione di Pechino e al Consolato di Shanghai alla fine del 1800, dopo aver ricevuto l'abilitazione all'insegnamento delle lingue orientali nel 1879. Per l'appunto, al suo ritorno in Italia venne chiamato come docente di cinese a Napoli e Roma, e concluse la carriera ancora in diplomazia come ambasciatore in Corea. Il presente intervento si propone quindi di approffondire la narrazione dell'Estremo Oriente di Nocentini, considerando entrambi i suoi ruoli di orientalista e diplomatico. Infatti ,egli fu testimone oculare dell'Estremo Oriente nella fase di apertura dopo secoli di voluto isolamento. Pertanto la sua stessa narrazione di quanto visto e vissuto {\`e} una preziosa testimonianza di una persona esperta della storia, delle civilt{\`a} e delle lingue. Per concludere, l'analisi si baser{\`a} sulle pubblicazioni di Nocentini apparse a cavallo tra Ottocento e Novecento, quali sintesi della visione dell'Estremo Oriente da parte di un profondo conoscitore.",
    keywords = "Ludovico Nocentini, orientalism, Italian colonialism",
    author = "{De Angeli}, Aglaia",
    note = "written in Italian",
    year = "2012",
    language = "English",
    isbn = "9788896478264",
    volume = "2",
    pages = "73--91",
    booktitle = "Orientalismi Italiani",

    }

    'L'Estremo Oriente narrato da Ludovico Nocentini, diplomatico e orientalista' (The Far East narrated by Ludovico Nocentini, diplomat and orientalist). / De Angeli, Aglaia.

    Orientalismi Italiani. Vol. 2 Alba, 2012. p. 73-91.

    Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

    TY - CHAP

    T1 - 'L'Estremo Oriente narrato da Ludovico Nocentini, diplomatico e orientalista' (The Far East narrated by Ludovico Nocentini, diplomat and orientalist).

    AU - De Angeli, Aglaia

    N1 - written in Italian

    PY - 2012

    Y1 - 2012

    N2 - Ludovico Nocentini (Firenze 1849 – Roma 1910), famoso orientalista e direttore dell’Istituto Orientale di Napoli, oltre a diplomatico, fu soprattutto un prolifico narratore dell’ “Estremo Oriente” a cavallo tra Ottocento e Novecento.Nocentini fu uno studioso dell’Asia orientale, come viene chiamata oggigiorno, in un particolare periodo della storia italiana, ossia nel momento in cui il Regno d’Italia si accingeva a conquistare il proprio fazzoletto di terre dando inizio al colonialismo italiano. Infatti, nel contesto asiatico l’Italia dopo essere stata respinta a Wei-hai-wei nel 1899 otteneva grazie al Protocollo dei Boxers nel 1902 la sua unica concessione in Cina, a Tianjin. L'esperienza di Nocentini è, comunque, singolare in quanto intrapprese la carriera diplomatica come interprete della Regia Legazione di Pechino e al Consolato di Shanghai alla fine del 1800, dopo aver ricevuto l'abilitazione all'insegnamento delle lingue orientali nel 1879. Per l'appunto, al suo ritorno in Italia venne chiamato come docente di cinese a Napoli e Roma, e concluse la carriera ancora in diplomazia come ambasciatore in Corea. Il presente intervento si propone quindi di approffondire la narrazione dell'Estremo Oriente di Nocentini, considerando entrambi i suoi ruoli di orientalista e diplomatico. Infatti ,egli fu testimone oculare dell'Estremo Oriente nella fase di apertura dopo secoli di voluto isolamento. Pertanto la sua stessa narrazione di quanto visto e vissuto è una preziosa testimonianza di una persona esperta della storia, delle civiltà e delle lingue. Per concludere, l'analisi si baserà sulle pubblicazioni di Nocentini apparse a cavallo tra Ottocento e Novecento, quali sintesi della visione dell'Estremo Oriente da parte di un profondo conoscitore.

    AB - Ludovico Nocentini (Firenze 1849 – Roma 1910), famoso orientalista e direttore dell’Istituto Orientale di Napoli, oltre a diplomatico, fu soprattutto un prolifico narratore dell’ “Estremo Oriente” a cavallo tra Ottocento e Novecento.Nocentini fu uno studioso dell’Asia orientale, come viene chiamata oggigiorno, in un particolare periodo della storia italiana, ossia nel momento in cui il Regno d’Italia si accingeva a conquistare il proprio fazzoletto di terre dando inizio al colonialismo italiano. Infatti, nel contesto asiatico l’Italia dopo essere stata respinta a Wei-hai-wei nel 1899 otteneva grazie al Protocollo dei Boxers nel 1902 la sua unica concessione in Cina, a Tianjin. L'esperienza di Nocentini è, comunque, singolare in quanto intrapprese la carriera diplomatica come interprete della Regia Legazione di Pechino e al Consolato di Shanghai alla fine del 1800, dopo aver ricevuto l'abilitazione all'insegnamento delle lingue orientali nel 1879. Per l'appunto, al suo ritorno in Italia venne chiamato come docente di cinese a Napoli e Roma, e concluse la carriera ancora in diplomazia come ambasciatore in Corea. Il presente intervento si propone quindi di approffondire la narrazione dell'Estremo Oriente di Nocentini, considerando entrambi i suoi ruoli di orientalista e diplomatico. Infatti ,egli fu testimone oculare dell'Estremo Oriente nella fase di apertura dopo secoli di voluto isolamento. Pertanto la sua stessa narrazione di quanto visto e vissuto è una preziosa testimonianza di una persona esperta della storia, delle civiltà e delle lingue. Per concludere, l'analisi si baserà sulle pubblicazioni di Nocentini apparse a cavallo tra Ottocento e Novecento, quali sintesi della visione dell'Estremo Oriente da parte di un profondo conoscitore.

    KW - Ludovico Nocentini

    KW - orientalism

    KW - Italian colonialism

    M3 - Chapter

    SN - 9788896478264

    VL - 2

    SP - 73

    EP - 91

    BT - Orientalismi Italiani

    CY - Alba

    ER -